• Interview
  • Recruitment

Come puoi sapere se il colloquio è andato bene?

Un colloquio non può andare davvero male.  È molto raro che il responsabile delle assunzioni mostri apertamente irritazione o impazienza. Nel 95% delle interviste le persone sono educate, sorridenti e professionali.  Alcuni responsabili delle assunzioni mantengono naturalmente le distanze anche se sono rimasti colpiti. Altri tendono ad esagerare la loro cordialità per mettere a proprio agio il candidato, anche quando il rendimento del candidato è inferiore.

Tuttavia, alcuni segnali dovrebbero consentire ai candidati di aspettarsi un risultato positivo. Di seguito abbiamo raccolto un paio di esempi. Ma ci piacerebbe leggere le tue esperienze, sentiti libero di commentare sulla nostra pagina Bellevue Executive Search.

Segnali positivi:

1/ domande molto concrete sul processo di reclutamento.  Il responsabile delle assunzioni sta già anticipando i prossimi passi. Ad esempio:

• Quando potresti iniziare potenzialmente?

• Potresti negoziare il periodo di preavviso con il tuo attuale datore di lavoro?

• Hai delle ferie che potresti sfruttare per ridurre il periodo di preavviso?

• Quando saresti disponibile per un secondo turno?

2/ il responsabile delle assunzioni passa dal condizionale al futuro:

• Quando realizzerai il business case durante la fase successiva, potremo….

• Quando incontri il direttore delle risorse umane, lui/lei potrebbe chiederti di portare dei documenti…

• Quando testerai il nostro sistema, scoprirai che c’è…

• Lo vedrai da solo, la stagione del budget qui è…

Non è un buon segno: 

1/ Tutte le domande che evidenziano che sei un candidato tra gli altri:

• “Incontreremo altri candidati questa settimana e la prossima, riceverai un feedback entro 10-15 giorni” (di solito, qualsiasi feedback annunciato per “più di una settimana” non è un buon segno);

• “L’agenzia di reclutamento ti contatterà per un feedback” (in altre parole, la relazione continua attraverso il cacciatore di teste, non un segno di vicinanza con l’azienda.)

• “Valuteremo le numerose candidature e vi ricontatteremo una volta completata l’analisi”

• “Considereremo candidati interni ed esterni”

2/ Il team che assume sta stranamente diventando vago riguardo ai propri progetti e alla definizione del ruolo:

  • “Stiamo ancora considerando l’esatta definizione del profilo; potrebbe darsi che alla fine decidiamo per un profilo più junior/profilo più esperto”. 
  • “Il team sta per essere riorganizzato; potrebbe darsi che questo cambi la definizione del profilo che assumeremo. In questa fase consideriamo ancora tutte le opzioni”.
  • “Possiamo dirvi di più a riguardo nel prossimo discorso”.
  • “Queste informazioni sono ancora troppo riservate per essere condivise durante un colloquio”. 

3/ All’improvviso vengono poste le domande standard dell’intervista:

  • “Quali sono i tuoi 3 principali punti di forza e di debolezza”
  • “Come descriverebbe il tuo stile di lavoro il tuo attuale capo”
  • “Se fossi un colore/un animale/un pianeta?”

Queste domande di solito sorgono quando il colloquio prende una piega noiosa o quando il responsabile delle assunzioni non è convinto: ora colpisce da una prospettiva diversa per confermare o dissipare alcuni dubbi .

 Buono o cattivo, a seconda dei tempi! 

  • “C’è qualcuno che potremmo chiamare per avere una referenza?
  • Puoi inviarci alcune lettere di referenza/certificati di lavoro?”

Ciò è particolarmente utile se la domanda viene posta dalle risorse umane nell’ultima fase del processo. Vuol dire che stanno preparando l’offerta e facendo gli ultimi controlli.  

Questo non va bene se il manager di riferimento te lo chiede all’inizio del processo.  È un segno che il team assumente ha punti interrogativi sul tuo profilo. Probabilmente l’intervista non è stata abbastanza chiara da fugare i loro dubbi. Questa potrebbe essere l’ultima occasione per chiedere quale argomento vorrebbero chiarire e fornire loro ulteriori esempi. 

Quanto dovrebbe durare il colloquio?

Naturalmente tutto è possibile, tuttavia osserviamo che un colloquio positivo dura 1 ora e 10 minuti. 😉

Più di 1,5 ore? Probabilmente hai parlato troppo!

50 minuti? Probabilmente il responsabile delle assunzioni è stato gentile.

Il colloquio più lungo che abbiamo visto è durato 2 ore e 45 minuti per un primo turno: il manager di linea stava cercando disperatamente di chiudere l’incontro e il candidato non ha mai capito i segnali non verbali. Continuava a parlare e parlare.

L’intervista più breve: 5 minuti. Al responsabile delle assunzioni non piaceva l’aspetto del candidato, qualcosa tipo “troppo profumo e un brutto taglio di capelli”.

Quindi, in realtà sì: un colloquiopuòandare davvero male. 😉 ma questo è raro, e tu vorresti lavorare con una persona del genere?

Condividi le tue esperienze sulla nostra pagina Swiss Finance Recruitment e grazie per averci seguito!